Siti
Annunci di Lavoro

La Storia del Sapone di Marsiglia

La Nascita del Sapone di Marsiglia

Il sapone di Marsiglia nacque ufficialmente alla fine del XVI secolo quando vennero fondate le prime fabbriche che lo producevano, ovviamente nella bella città francese di Marsiglia. La storia del sapone al tatto simile alla cera è però più antica di almeno un secolo, dal momento che già nel 1100 si producevano i panetti per lavare i panni e detergere il corpo a livello artigianale, sfruttando anche le tecniche dei maestri saponari di Aleppo, città della Siria che lega il proprio nome ad un celebre sapone all'olio d'oliva e d'alloro noto fin dal 2500 a.C..

I segreti per la produzione del sapone giunsero in Europa attraverso i Crociati e la città di Marsiglia si rivelò tra le più argute nel mettere a frutto la tradizione millenaria per ricavare un prodotto ineguagliato nei secoli. Nella città portuale francese si passò così dalla produzione artigianale a quella industriale su vasta scala per soddisfare le tante richieste provenienti dall'intero continente ed il sapone di Marsiglia divenne sinonimo di qualità.

A metà del Seicento la produzione a Marsiglia arrivò a quasi 20.000 tonnellate, significativa a tal punto da essere regolamentata nel dettaglio da un Editto reale che rendeva obbligatorio, tra l'altro, l'impiego esclusivo d'olio d'oliva.

Nel corso dell'Ottocento, tuttavia, i vincoli si allentarono e le fabbriche nate in diversi paesi europei iniziarono ad usare oli di minor pregio rispetto a quello d'oliva (come quello di palma e di cocco) e a ricorrere al sego, più a buon mercato del tradizionale olio.

Nel Novecento le leggendarie fabbriche di sapone di Marsiglia subirono un notevole tracollo, la produzione sembrò destinata a terminare per sempre data la concorrenza di detergenti più moderni, ma il sapone di Marsiglia è straordinariamente resistente e la sua attuale riscoperta fa ben sperare per il futuro!

 

Navigare Facile